Chiusura campagna elettorale

Ultimo giorno della campagna di Daniela Sbrollini

Come ultimo appuntamento con la stampa prima del silenzio elettorale Daniela Sbrollini candidata alla Presidenza della Regione del Veneto per Italia Viva, Psi, Pri e Civica per il Veneto ha scelto Bassano del Grappa, domani, venerdì 18 settembre presso il Color Caffè alle 12.30 ( Via Santissima Trinità, 8)
Nell’occasione, alla presenza anche dei candidati al consiglio regionale del bassanese Stefania Bizzotto e Gianni Castellan insieme con gli amici del circolo di Bassano di Italia Viva la Sbrollini farà il punto sui temi territoriali e non solo che ha proposto in queste settimane di tour veneto.
Sempre a Bassano, nel pomeriggio la candidata incontrerà alcuni rappresentanti delle categorie sociali ed economiche del posto.

La conferenza stampa sarà anche l’occasione per presentare un emendamento a firma della Sbrollini nella sua veste di senatrice che avrà ripercussioni positive e lavorative anche in Veneto.
A livello nazionale infatti l’emendamento i questione aiuterà 16 mila addetti al lavoro nel campo della sicurezza sussidiaria.

Dopo il decreto salva-stadi di cui la Sbrollini è stata una delle fautrici, è la volta di un emendamento che riguarda gli addetti ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi.
L’emendamento firmato anche da Daniela Sbrollini ha uno scopo ben preciso, ovvero l’impedire che la lentezza del sistema giudiziario possa compromettere ed ostacolare la vita lavorativa di migliaia di persone.
Ad oggi la sola presenza di una denuncia a carico di un soggetto rende impossibile l’iscrizione all’elenco prefettizio del personale, iscrizione senza la quale non è possibile trovare impiego in questo settore.

“Ho sempre detto e sostenuto – spiega la Sbrollini- che la burocrazia a volte pone troppi ostacoli al normale esercizio delle attività economiche e quindi anche alla quotidianità dei cittadini. La giustizia, dal canto suo, presenta tempi anche molto lunghi perché si arrivi al raggiungimento della certezza della pena o quantomeno ad una condanna definitiva. Spesso questo pone in stand-by la vita delle persone interessate che possono trovarsi a vivere situazioni scomode fino al raggiungimento di un verdetto finale, qualunque esso sia.

La Sbrollini presenta questo emendamento anche come una misura pensata e voluta per agevolare i lavoratori del mondo dello spettacolo, forse i maggiormente provati dalla crisi sanitaria per il blocco di concerti, eventi e spettacoli

La giornata finale della campagna elettorale della Sbrollini si concluderà poi alle ore 20.00 lì dove era iniziata l’avventura della lista Sbrollini Presidente, a Villa Bonin Maistrello a Vicenza dove la candidata festeggerà assieme a tutti i candidati, amici e simpatizzanti che vorranno chiudere così l’avventura elettorale 2020 in attesa degli esiti dello scrutinio che dovrebbero arrivare nel pomeriggio di lunedì 21 settembre.

Con la speranza di arrivare a quel 3% del permetterebbe l’ingresso della lista in consiglio e la continuazione di un progetto politico di ampio respiro che guarda al futuro con un occhio riformista moderato e alternativo che proprio dal Veneto potrebbe allargarsi al resto d’Italia.

“Il nostro, lo abbiamo sempre detto – conclude la Sbrollini - è un laboratorio politico allargato ad altre forze moderate e riformiste che parte proprio dal Veneto per sperimentare e educare ad una politica diversa, con toni e modi gentili ma concreti e determinati, che ascolta e mette in pratica dando risposte ai cittadini, con facce nuove e modalità alternative, che punta al sociale, alle famiglie, al welfare prima di tutto. Con queste premesse e con il lavoro fatto in questi mesi attraverso la nostra regione aspettiamo l’esito del voto e ringraziamo i tanti veneti che ci accorderanno la fiducia sapendo di essere protagonisti di un voto utile e alternativo che segnerà il volto e l’anima del Veneto."